Depressione e ansia colpiscono sempre più persone oggi. Anche io ho toccato con mano quanto sia difficile affrontare le giornate quando una malattia come la depressione si fa spazio nella tua vita. Due persone a me molto care hanno avuto periodi di depressione che le hanno completamente trasformate (in meglio).

Forse mentre leggi queste righe ti starai dicendo “ma a me (o a persone che conosco) non capiterà mai”. Spero tanto tu abbia ragione ma, purtroppo, il 2,5% degli italiani soffre di depressione e almeno il 10% ha sofferto almeno una volta di un episodio depressivo.

Per darti un’idea di cosa significhi essere depressi, i sintomi della depressione possono essere molteplici, tra i quali:

  • umore depresso (ti senti sempre giù di morale)
  • perdita di piacere per attività che prima ti interessavano
  • anedonia (stanchezza, affaticamento, mancanza di energie)
  • diminuzione o aumento significativo dell’appetito

Con questo articolo voglio cercare di abbattere il muro di “omertà” che aleggia sulla depressione e sull’ansia che sono viste come malattie di cui aver vergogna. Non c’è niente di cui vergognarsi e anzi, come i numeri sopra mostrano, ci sono un sacco di persone che ne soffrono.

Depressione e ansia, per il 50% dei casi, vanno a braccetto. Se soffri di depressione è molto probabile tu abbia avuto episodi di ansia.

Inoltre, se sei mamma o hai amiche madri, saprai come è molto probabile dopo il parto avere qualche sintomo di depressione post partum.

Ti senti triste senza motivo, irritabile, incline al pianto, inadeguata nei confronti dei nuovi ed impegnativi compiti. In molti casi passa in fretta, in altri c’è bisogno di un aiuto in più.

Sia chiaro: la depressione è a tutti gli effetti una malattia che può e deve essere curata da specialisti (psichiatri, psicologi, ecc..). Se soffri di depressione per favore vai da un dottore. Sarà tutto molto più semplice di quel che credi. Non c’è niente di cui vergognarsi e, anzi, dalla depressione puoi trarne vantaggi per migliorare completamente la tua vita come hanno fatto i miei due amici.

Tuttavia, se hai sofferto o soffri di depressione e/o ansia, voglio mostrarti come lo sport e l’attività fisica possano essere grandi alleati nella battaglia contro queste malattie e sintomi.

Ricordo ancora quando una delle due persone di cui parlavo sopra mi disse che il proprio psichiatra le aveva prescritto di fare attività fisica oltre ai soliti trattamenti. Rimasi un po’ perplesso ma poi iniziai a informarmi. Così scoprii che esistono numerosi studi che provano che lo sport e l’attività fisica aiutano a guarire dalla depressione e a combattere l’ansia.

Vediamo allora quali sono gli esercizi che possono aiutare a combattere questi nemici del benessere.

Corsa

Corsa depressione stress ansia

La corsa non è utile solo per dimagrire o vivere più a lungo. Serve pure a provocare cambiamenti durevoli nei neurotrasmettitori del buonumore come la serotonina e la norepinefrina. Questi cambiamenti avvengono sia durante che dopo l’allenamento.

Inoltre, sapevi che la corsa può essere assimilata alla meditazione? Sono moltissime le persone di successo che, anziché meditare, corrono. Infatti i movimenti ripetitivi della corsa sembra provochino gli stessi effetti della meditazione.

Anche una ricerca apparsa sulla rivista Psychiatry & Neuroscience ha dimostrato gli effetti benefici della corsa sui disturbi depressivi. Addirittura sembra che l’esercizio fisico funzioni in maniera simile ai farmaci antidepressivi.

Altro beneficio della corsa è sicuramente la stanchezza e la predisposizione a dormire meglio. E come sai dall’articolo della scorsa settimana, se dormi bene anche il tuo cervello starà meglio.

Come scritto recentemente in un altro articolo, la corsa e l’attività fisica in generale sono i tuoi alleati per la neurogenesi. La neurogenesi, a sua volta, è tuo alleato nel combattere la depressione.

La formula è quindi molto semplice: + corsa = + neurogenesi = – depressione.

Ti è chiaro cosa devi fare no? Domattina, ti alzi, metti le scarpe e corri/cammini velocemente anche solo per 20 minuti. Non importa il ritmo, non importa quanti chilometri fai. Fallo e basta e ne vedrai i frutti.

Trekking

trekking ansia depressione stress rimedio
Immergiti nella natura, non pensare a niente e goditi il momento. Questo è il segreto per ridurre ansia e stress dopo una settimana di lavoro.

 

Se detesti correre puoi trovare benefici nel trekking. Una bella passeggiata nei boschi riuscirà a ridurre lo stress e l’ansia e a combattere la depressione. La natura e il silenzio che puoi trovarvi hanno un potente effetto calmante sulla mente. Inoltre, ti aiuta a mantenerti in forma e ridurre il grasso.

Nel 2009 è stato pubblicato uno studio sulla rivista Environmental Health and Preventive Medicine che ha dimostrato come, tra due campioni di partecipanti, i soggetti che passeggiavano per 20 minuti nei boschi avevano livelli più bassi di ormone dello stress rispetto a chi rimaneva in città.

Quindi, questo weekend prova a fare una passeggiata in mezzo alla natura per scaricarti.

Yoga

yoga ansia depressione stress

Beh, quasi chiunque pensa che se sei stressato o un po’ ansioso dovresti fare yoga. Può sembrarti una diceria ma in realtà lo yoga è un’attività molto utile a combattere ansia, stress e depressione.

Oltre agli esercizi di stretching e di rafforzamento della tua muscolatura “core”, lo yoga si concentra moltissimo sulla respirazione. La respirazione è fondamentale per calmare e rallentare la mente. Non so se hai un Apple Watch ma, se lo hai, avrai notato che con l’ultima versione è apparsa una nuova funzione: respirazione. Un motivo ci sarà no?!

Attraverso il respiro lento e profondo puoi infatti rilassarti e scaricare le ansie e preoccupazioni accumulate.

Non hai voglia di iscriverti ad un corso yoga? Prova la mindfulness con questa app pluripremiata.

Il jolly contro ansia e depressione

Se di tutte queste attività non te ne piace neanche una non disperare. Esistono altri sport che puoi fare per combattere i sintomi della depressione e dell’ansia.

Uno studio pubblicato su Psichiatria Danubina da Marilisa Amorosi dimostra che, se si vuole combattere o prevenire la depressione, è molto utile variare il più possibile le attività fisiche svolte.

L’ideale sarebbe che tu trovassi il modo di alternare sport di endurance (corsa, bicicletta, nuoto) con sport di squadra o arti marziali.

Dall’altra parte risulta “inappropriato” (ovvero sconsigliato) iscriversi in palestra in caso di depressione. Questo perché le palestre richiedono un alto grado di competizione e di impegno tecnico per l’esecuzione degli esercizi. Se da una parte questo può stimolare gli agonisti, dall’altra può minare l’autostima di una persona depressa. Se vuoi leggere tutto l’articolo lo trovi qui.

L’importante è MUOVERSI

Pontile con citazione contro depressione

Alla fine il trucco è sempre lo stesso: ti devi muovere. Ti senti giù di morale, molto stressato o tanto ansioso? Allenati.

Meglio sarebbe uscire fuori di casa e stare a contatto con la natura. Se proprio non puoi, vedi di allenarti in un ambiente protetto e sicuro come casa tua.

Non riesci da solo a importelo? Chiedi ad un amico, chiedi al team di FitNest di seguirti, chiedi a qualcuno di “stressarti” un poco e obbligarti a muoverti.

L’importante è cominciare. Il resto verrà da sé. E ti garantisco che arriverà.

Se vuoi saperne di più segui la pagina Facebook e unisciti al nostro gruppo di allenamento.

Guarda anche il video dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla depressione. Può aiutarti a capire meglio cosa fare e come farlo.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto. Se credi possa essere utile ai tuoi amici perché non lo condividi?